Come si calcola il tempo di percorrenza di un’escursione?

Tempo di percorrenza in escursionismo

In pianura la distanza percorsa si misura in chilometri e la velocità in Km/h. In montagna la prospettiva cambia, perché quando si cammina in salita quello che conta è il dislivello percorso, più che la distanza. Il tempo di percorrenza in escursionismo si misura quindi in m/h (metri di dislivello all’ora).

Immagina di dover percorrere un sentiero che da 1600 metri di altitudine arriva a 2200 metri. Come puoi stimare il tempo di percorrenza? Te lo spiego in questo articolo… continua a leggere!

Le stime del CAI

Il CAI (Club Alpino Italiano) valuta che un escursionista mediamente allenato sia in grado di percorrere 300-350 m di dislivello (positivo) all’ora. Se il dislivello è negativo (discesa) il tempo di riduce di 1/3 circa rispetto a quello di salita, il che equivale a percorrere 400-465 m all’ora.

Si tratta naturalmente di numeri indicativi, ma comunque utili per avere una stima di massima della durata di un’escursione. Il tempo di percorrenza è infatti influenzato da diversi fattori: il tuo livello di allenamento, le condizioni del tracciato, l’altitudine, il peso del tuo zaino, ecc.

Tornando al tuo ipotetico sentiero che va dai 1600 ai 2200 metri di quota (600 metri di dislivello):

  • Il tempo di percorrenza in ascesa sarà di circa 2 ore
  • Il tempo di percorrenza in discesa sarà di circa 1 ora e 20 minuti

 


Se ritieni che questo post sia utile, condividilo sui tuoi social preferiti.

Foto copertina
Sentiero in Val di Fassa
Autore Mirko Ropelato

Post collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi post

Digita una parola chiave e premi invio per iniziare la ricerca nel blog.