Il gracchio alpino, maestro del volo planato in montagna

Gracchio alpino

I frequentatori della montagna conoscono bene il gracchio alpino (o gracchio di montagna): un uccello dal piumaggio nero e lucido che è un vero e proprio maestro del volo planato in alta quota.

Molto simile alla cornacchia (entrambi appartengono alla famiglia dei Corvidi, diffusa in tutto il mondo con oltre 130 specie), il gracchio alpino è riconoscibile dal becco robusto e appuntito color giallo e le zampe rosse (nere negli esemplari più giovani). Ha una lunghezza di 35-40 cm e un’apertura alare di 80 cm.

La forma arrotondata di coda e ali gli consente di sfruttare magistralmente le correnti d’aria in alta montagna e di planare con grande abilità.

Distribuzione e habitat

Il gracchio alpino è diffuso principalmente sui rilievi dell’Europa centro-meridionale (soprattutto Alpi e Pirenei), ma è presente anche in Asia e sui monti del Nord Africa (ad esempio in Marocco).

In Italia vive sull’arco alpino e, in parte minore, sugli Appennini. Predilige le quote medio-alte (anche fino a 3000 m) e gli ambienti caratterizzati da costoni rocciosi e cave, dove nidifica. Nella stagione fredda, in particolar modo in occasione di intense nevicate, si sposta a quote inferiori alla ricerca di cibo.

Alimentazione

Il gracchio alpino è onnivoro e modifica la sua dieta in base al periodo dell’anno. In primavera ed estate è prevalentemente insettivoro. Nel periodo autunnale e invernale è invece frugivoro, nutrendosi di bacche, mirtilli, mele, ecc.

La presenza di turisti in alta quota rappresenta una importante fonte di alimentazione per il gracchio alpino che, non a caso, bazzica spesso nei pressi di rifugi o lungo i sentieri frequentati dagli escursionisti.

Gracchio alpino

Gracchio alpino (Foto eugen_ / Shutterstock.com)

Comportamento

Il gracchio alpino non ama la solitudine. Vive in stormi (ognuno composto da diverse decine di esemplari, fino a oltre un migliaio nel periodo invernale!) spostandosi costantemente tra i dormitori e i nidi deposti negli anfratti rocciosi e i luoghi dove procaccia il cibo.

Riproduzione

Gli anfratti tra le rocce sono i luoghi prediletti dal gracchio alpino per costruire un voluminoso nido fatto di erba e piccoli rami secchi nel tardo periodo primaverile.

La femmina depone tra le 3 e le 5 uova che cova per circa 3 settimane. Una volta schiuse le uova, i piccoli rimangono nel nido per 35 giorni. Dopo questo periodo iniziano a seguire gli adulti nei loro pellegrinaggi alla ricerca del cibo, imparando tutti i “trucchi del mestiere”.

 


Foto copertina
Gracchio alpino nella nebbia sul Sass Pordoi
Autore Mirko Ropelato

Post collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi post

Digita una parola chiave e premi invio per iniziare la ricerca nel blog.